22 aprile, Giornata Mondiale della Terra: le regole di una famiglia ‘green’.

Il 22 aprile è la Giornata Mondiale della Terra e, in un momento storico come quello attuale, in cui da più parti emerge l’urgenza di rivedere e ripensare i propri stili di vita anche a difesa del pianeta, arrivano delle vere e proprie regole, per far sì che, a partire dalle abitudini quotidiane, si possa dare un concreto contributo alla causa ambientale.
Ma quali atteggiamenti ecologicamente responsabili è possibile assumere tra le mura domestiche?

Le Regole di una famiglia green.

1. Limitare l’utilizzo di bottiglie di plastica

Limitare l’uso della plastica: dopo l’acciaio e il cemento è il terzo materiale umano più diffuso sulla Terra. Meglio tornare ad usare le “vecchie” bottiglie di vetro o le borracce, che molte aziende stanno sdoganando come accessorio di tendenza, l’utilizzo del quale potrebbe far ridurre in misura considerevole il consumo della plastica.

giornata-mondiale-della-terra-regole-green-tersan

2. Utilizzare rubinetti intelligenti

Installare in cucina rubinetti di ultima generazione: in grado di erogare acqua filtrata, più sana e certamente economica.

3. Conservare adeguatamente gli alimenti

Ridurre gli sprechi di cibo: imparando a conservarlo meglio, a utilizzarlo tutto e senza troppi scarti. Secondo gl ultimissimi dati dell’ONU, ogni anno si buttano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo che, nella maggior parte dei casi, finisce in spazzatura direttamente dal carrello della spesa; per la serie: compriamo troppo rispetto alle nostre reali esigenze, senza dimenticare che spesso basterebbero piccoli accorgimenti per allungare la vita di alcuni alimenti. Ad esempio, la banana, l’avocado e la pesca vanno tenuti separati, conservare le patate insieme alle mele fa in modo che le prime si mantengano più lungo ed è meglio non lavare la frutta prima di metterla in frigo.

4. Smaltire correttamente gli avanzi

Importante è anche lo smaltimento degli avanzi: gli scarti alimentari vanno raccolti separatamente dagli altri rifiuti. In particolar modo, sono proprio questi a poter confluire in quella parte di rifiuti organici utili per produrre compost.

5. Scegliere componenti e arredi sostenibili

Anche il Design e l’Architettura pensano in modo sostenibile e tutti gli spazi domestici vengono progettati per ridurre al minimo gli sprechi e l’impatto ambientale.
In casa gli elettrodomestici e i componenti per la cucina a gas sono di nuova generazione, le sedute 100% riciclate e i rivestimenti sono in legno, elemento green con straordinarie qualità isolanti.

6. Spegnere gli elettrodomestici

L’imperativo è “no agli sprechi”. Ecco allora che si deve prestare attenzione in casa e spegnere gli elettrodomestici non utilizzati, senza sottovalutare i consumi dello stand-by.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in